La trappola di nome economia


di Roberto Mancini
da altreconomia (Num. 99 – Novembre 2008 – Rubrica “Idee eretiche”)

La trappola di nome economia. Questa oggi è la tortura per la vita delle persone, dei popoli, della natura. La più grande causa di infelicità. Più è virtuale, futile, distruttiva e più decide del destino di tutti con forza apparentemente inesorabile.
Che poi presto si rivela apertamente, come oggi, la forza tragica del vortice in un naufragio.

Non è che sia un male l’economia in sé. Anzi, essa dovrebbe essere l’arte della cura per le basi materiali della convivenza. Il vanto di questa economia di servizio sarebbe quello di riuscire a non escludere, a non precarizzare, a non affamare nessuno. Il punto è che l’economia capitalista costruita nei secoli più recenti dall’Occidente come sovracultura globale è un’economia completamente e intrinsecamente perversa. Il suo dinamismo storico si sintetizza nella riduzione della società a economia e dell’economia a capitalismo distruttivo. L’indole necrofila di questo sistema si coglie inoppugnabilmente già dall’enorme contraddizione per cui l’economia attuale potrebbe eliminare la fame e invece la produce. È un delirio che viene dall’antica abitudine a organizzare la vita secondo la logica del dominio. Max Horkheimer e Theodor Adorno, ricostruendo il percorso storico-concettuale di tale abitudine collettiva, scrivono: “Il dominio sopravvive come fine a se stesso in forma di potere economico” (Dialettica dell’illuminismo, Einaudi, p. 110). Perché il dominio radicale, il dominio puro, assume nella società proprio la forma dell’economia?
Di tutte le sfere di esperienza dell’essere umano, l’economia è quella che riguarda la sopravvivenza. Ma la sopravvivenza fine a se stessa è tutt’altro che naturale. Quando viene posta come scopo unico dell’esistenza, si deforma la condizione umana. La vita, nell’anelito che la fa respirare -cioè la vita umana ma anche la vita della natura- non cerca solo la sopravvivenza, tende a una condizione nuova, liberata dal male e dalla morte. Ridurre ogni cosa a economia significa fabbricare un sistema in cui la sopravvivenza bruta si sostituisce alla vita e, ancor più, a ogni possibilità di vita vera e di felicità condivisa. Se siamo un tessuto di esseri unici, tutti legati tra loro e tendenti a una liberazione integrale, ridurre la condizione dei viventi alla trappola dell’economia capitalista significa isolare ogni filo del tessuto. E costringerlo a fare qualsiasi cosa per continuare a sussistere in questo stato contronatura e disumano.
La sopravvivenza diventa lo sforzo di vivere al di sopra degli altri, senza e contro di loro. Una sopravvivenza selettiva, incompatibile con la convivenza.
Perché non ci ribelliamo a questo tremendo sortilegio di carta? Capire le cause di questa specie di epocale sindrome di Stoccolma è essenziale per uscire dalla trappola. Elenco brevemente le sette cause che ritengo più importanti:

  1. l’angoscia diffusa che fa guardare alla vita solo come a un tentativo di sopravvivere per il tempo più lungo possibile;
  2. l’illusione che si possa vivere per se stessi e separati dagli altri, indifferenti alla loro sorte;
  3. l’attrazione esercitata dai vantaggi materiali che questa economia assicura a pochi e promette a tutti;
  4. la giustificazione ideologica universale, che presenta questo sistema come “non ideologico”, ma naturale, razionale, vantaggioso e necessario, al punto che le stesse religioni non riescono a vedere che il capitalismo è ateismo puro;
  5. il sentimento collettivo di impotenza a cambiare per trovare un’altra forma di economia, nell’errata concezione per cui l’unica alternativa possibile al capitalismo, già da tempo sconfitta, sia stata il socialismo statalista;
  6. il permanente ricatto che grava su chiunque, per cui si crede che chi disobbedisce agli imperativi dell’economia globalizzata finisce in rovina;
  7. la messa fuori gioco della politica come strumento democratico per cambiare le cose e regolare il corso dell’economia, organizzando con giustizia la convivenza di tutti.

Trovare la via per uscire dalla trappola esige la comprensione di queste cause e l’individuazione operativa di risposte che le superino. E richiede la percezione del senso della vita personale e collettiva, la passione e il coraggio di cambiare, la fiducia in un futuro diverso, la memoria del perché, anzi del per chi vale la pena di agire altrimenti. L’altra economia è un sogno a occhi aperti, ma è anche un dovere.
Roberto Mancini insegna Filosofia teoretica all’Università di Macerata. Dirige la collana “Orizzonte filosofico” della Cittadella editrice di Assisi. E’ membro del Comitato scientifico delle Scuole di Pace de3lla Provincia di Lucca e del Comune di Senigallia (AN). Il suo ultimo libro è “La buona reciprocità. Famiglia, scuola, educazione” (Cittadella editrice, 2008).

Economia e individualismo


di Roberto Mancini
da altreconomia (Num. 101 – Gennaio 2009 – Rubrica “Idee eretiche”)

Economia e individualismo. Le due cose sembrano tutt’uno. Il dogma vuole che, soprattutto nella sfera economica, ciascuno veda e curi solo il proprio interesse, senza considerazione per quello degli altri, anzi senza considerazione degli altri come tali. L’illusione che si possa fare di se stessi il senso di tutto, mantenendosi indifferenti e separati dagli altri, è una delle barriere psicologiche e culturali da superare per costruire un’altra economia. L’individualismo è l’egoismo divenuto cultura, visione del mondo, criterio di ogni razionalità. Veicolata dalla paura di restare indietro rispetto agli altri, che poi diviene l’avidità di affermarsi senza di fatto essere mai se stessi, la mentalità individualista si insinua sin dall’infanzia, per esempio fin dalla nascita di un fratello o di una sorella. L’egoismo è una patologia, è anzitutto il fallimento nel cammino di scoperta di sè, del proprio valore, della propria dignità.

La natura illusoria della mentalità individualista è evidente. Intanto perchè basta uno sguardo attento alla srtoffa della società per cogliere che l’individualismo è solo il suo disegno superficiale, ma la trama essenziale è la massificazione. L’individuo è una formica del grande formicaio: più si adatta a testa bassa, diventa flessibile e compete, e più perde il senso della relazione. E’ soprattutto sul piano antropologico che l’individualismo è illusorio. La persona umana nasce dalla relazione tra una donna e un uomo, cresce e matura le sue facoltà partecipando alle relazioni con gli altri, è in se stessa una vivente relazione di nuclei del proprio essere come il corpo, il cuore, la ragione, la coscienza morale, l’anima come identità profonda e come libertà originale in ciascuno. Una creatura così costituita tende, per sua vocazione, all’armonia in tutte le sue relazioni fondamentali, interiori e interpersonali. Se al contrario essa è indotta a esistere in maniera antitetica alla struttura relazionale del proprio essere, si adatta a una forma innaturale di vita, falsifica e deforma la sua personalità, si riduce a esistere sempre e solo per sopravvivere, sacrificando il fine autentico dello stare al mondo: diventare felici alimentando la felicità di altri.

Tuttavia, il fatto che si tratti di una logica innaturale e illusoria, non significa che essa non sia potente e capace di avvolgere, come una fitta nebbia, non solo i singoli, ma anche i gruppi, soggetti collettivi e, quasi interamente la stessa società. Sono davanti agli occhi di tutti i disastri causati dalla logica identitaria di gruppi religiosi, etnici, ideologici, politici che vogliono affermarsi attraverso il conflitto contro tutti coloro che rappresentano “gli altri”. Il primato del “noi” piuttosto che quello dell’ “io” non migliora affatto le cose, ne moltiplica gli effetti negativi. Neppure la pratica del cosiddetto “volontariato”, termine che sempre più fa acqua per la sua indifferenziazione e ambiguità, sa efficacemente aprire lo spazio di una socialità realmente guarita dall’individualismo. Si può fare volontariato e rimanere individualisti nella mentalità e nello stile di vita.

Quale antidoto trovare a questa epidemia dell’io o del noi autoreferenziali?
Le radici dell’individualismo sono antiche e rafforzate di continuo. Quindi altrettanto precoce e costante deve essere la cura per la cultura della condivisione. Famiglia, scuola, associazioni educative sono i luoghi di fioritura dell’umanità relazionale di ognuno. Genitori, insegnanti, educatori sono i protagonisti di questa svolta, che è sempre possibile dove le persone crescono in situazioni di dialogica della vita quotidiana. Al centro dei percorsi educativi tipici della cultura della relazione dovranno essere posti l’acquisizione dell’autentico senso di sè, l’apertura al senso del vivere in comunità e, in particolare, la maturazione della capacità di identificazione di se stessi nella condizione dell’altro, anzi dell’ultimo di una situazione data.

La guarigione dall’individualismo infatti non accade solo perchè si scopre il valore degli altri in genere, ma soprattutto quando non si ha paura di guardare e di sentire le cose dal punto di vista di chi viene emarginato, scartato, giudicato. Chi ha nella coscienza una visione nitida e nel cuore un bene sufficiente per sentire la vita insieme all’altro messo più in basso, costui è veramente guarito dall’individualismo e il suo agire porta frutto non solo per il suo prossimo, ma per tutti.

Roberto Mancini insegna Filosofia teoretica all’Università di Macerata. Dirige la collana “Orizzonte filosofico” della Cittadella editrice di Assisi. E’ membro del Comitato scientifico delle Scuole di Pace de3lla Provincia di Lucca e del Comune di Senigallia (AN). Il suo ultimo libro è “La buona reciprocità. Famiglia, scuola, educazione” (Cittadella editrice, 2008).

60 ore a settimana

Orari di lavoro a 60 ore la settimana: un dovere morale?

da Informazioni FISAC-CGIL (Anno XXI – Ottobre 2008)

Il sabato interamente festivo fu introdotto, primo in Italia, nel 1957 in Olivetti. L’orario scendeva di fatto a 40 ore la settimana a parità di salario: un netto progresso sociale. La lunga marcia per ridurre l’orario di lavoro, iniziata nella seconda metà dell’800, ha trovato, con le 35 ore introdotte in Francia, il punto di arrivo più avanzato. Ora sembra che il nuovo dogma della competizione globale abbia spinto i ministri europei del lavoro ad una netta svolta: è stato raggiunto un accordo che permette ai paesi membri di prolungare l’orario di lavoro a 60 ore la settimana. Naturalmente nessuno parla esplicitamente di obbligare i dipendenti a lavorare sino a 25 ore in più la settimana: l’orario potrà essere incrementato se il lavoratore darà il suo consenso o se il prolungamento verrà previsto da un accordo tra parti sociali o dalla legislazione nazionale.

Nel nostro caso, l’effetto combinato di questa previsione unitamente agli “sconti” del governo italiano per chi fa lo straordinario, può trasformarsi in una forma di ricatto verso coloro che, per diverse ragioni, non possono dire di no, accentuando le disuguaglianze tra chi ha un lavoro stabile, ed è rappresentato dai sindacati, e chi ha un lavoro precario oppure tra chi lavora in grandi aziende e chi invece opera in realtà imprenditoriali di minori dimensioni.

Le conseguenze sui tempi comunitari, sociali e familiari sarebbero pesanti, un completo spaginamento, con una contraddizione evidente: come può l’Europa chiederci contemporaneamente di lavorare di più e di avere più figli? Con ogni probabilità l’incremento delle ore lavorate finirà per svantaggiare ancora una volta le donne, già poco presenti nel nostro mercato del lavoro. Al lavoro subordinato che ha perso, in questi ultimi anni, potere di acquisto e posizioni nella classifica sociale, ora si chiede di accrescere l’orario. Questo fatto sembra confermare la tesi secondo cui maggiore è la disuguaglianza più sono le ore lavorate.

Tra l’altro pare davvero poco intelligente puntare su misure di teorico aumento della produttività in chiave quantitativa anziché introdurre elementi di qualità nel sistema economico. Ancora una volta sembra si tratti di percorrere la strada meno alta della competitività, non comprendendo che questo è un terreno sul quale le imprese e le saocietà europee non avranno mai la possibilità di primeggiare.

L’accordo dei Ministri europei sul prolungamento degli orari del lavoro dovrà essere approvato dal Parlamento di Strasburgo che, in tema di affari sociali, si è in varie occasioni dimostrato più avanzato sia della Commissione europea, sia del COnsiglio dei Ministri del Lavoro. Non è scontato che questo accordo sia approvato, ma possiamo affermare che il netto progresso sociale, inaugurato in Italia da Adriano Olivetti, rischia di fare un altro salto all’indietro, alle condizioni che in Europa esistevano un secolo e mezzo fa, ovvero verso quele che oggi si osservano in India, Cina, Messico…

Società di tutti

«Cercate il bene della città…»
(Geremia 29, 7)

di Alfredo Berlendis
da Riforma (Anno 144 – numero 37 – 26 settembre 2008)

CHE ci fa l’ora di religione nella scuola? In molte chiese protestanti di altri Paesi l’ora suddetta è presente, e noi rispettiamo tale scelta. Noi partiamo dal presupposto che la laicità sia un valore che tutela tutta la cittadinanza. Si attende che, nelle alte sfere (in particolare da parte dell’attuale Governo ) si legiferi secondo l’art. 8 della nostra Costituzione. Per valdesi-metodisti e battisti la laicità esclude l’insegnamento confessionale nella scuola pubblica. L’onnipresenza cattolico-romana è, se non erriamo, criticata da molte parti. Non solo da noi.

L’AUSPICIO è che nella scuola si impartiscano lezioni su tutte le fedi viventi. Si faccia insomma della storia e non della catechesi. Il grande vantaggio per tutta la popolazione, pensiamo agli extracomunitari, è lampante. Mentre preghiamo perché la conversione muti il disprezzo dei poveri, dall’infanzia a una morte prematura, di cui, le ingiustizie sociali sono spesso i boia di turno, diamoci da fare, sia con la protesta sia con ogni forma possibile di solidarietà.

NON siamo soli in questa battaglia. Con noi ci sono anche valenti cattolici che esercitano una critica consapevole, che amano distinguere la sfera dello Stato che è di tutti da quella della religione che è di alcuni. Cattolici che optano per un insegnamento pluralistico, ossia di tutte le religioni. Pensiamo alle bimbe e ai bimbi, che crescono spessissimo con una «monocultura» religiosa. Che anziché crescere nel rispetto di tutti, perché questo è il risultato, passano da bimbe e bimbi, che varcano la soglia delle diverse stagioni della vita, a una condizione di ignoranza che non può che predisporre le loro menti all’intolleranza.

GIACCIONO in Parlamento varie proposte di Intese da parte di varie religioni. Giace, appunto, da oltre sei decenni, l’attuazione dell’articolo ottavo della Costituzione, quello che afferma a chiare lettere che «tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge». Non se ne viene a capo. A onor del vero si sono fatti alcuni passi avanti, ma francamente se ne potevano fare molte di più. Si doveva, per una concezione egualitaria, per una convivenza «civile», attuare tale articolo! Non si può che restare allibiti, davanti a tale indifferenza, che non ode l’angoscioso appello all’eguaglianza, di tutte le persone di civico buon senso.

IL civico rispetto di tutti, la Parola di Dio che interpella le coscienze dei credenti, sprona a leggi giuste, equanime, con una attenzione sollecita. Specie per i più diseredati. La parola profetica: «…cercate il bene della città (…) e pregate per essa» ci spinge a costruire una società plurale in cui le differenze, anche religiose, siano valorizzate e non represse. Convinti, come siamo, che da Dio viene il bene della società e dell’umanità.

Speranza e progresso


Papà, papà, ha vinto Barack Obama!
Sono le sette del mattino, sono ancora sotto la doccia, ma mio figlio (10 anni) come prima azione del giorno ha acceso la TV (nota bene: non è abitudine in casa nostra) alla ricerca della notizia tanto attesa.

Il suo entusiasmo e la sua partecipazione, oltre alle goodnews, of course, mi hanno illuminato la giornata e regalato una ventata di ottimismo.

Buon lavoro, Barack; buona fortuna, mondo!

Beppe Grillo a Verona – 20.10.2008


Com’è stato lo spettacolo di Beppe Grillo?

Indubbiamente significativo; il momento storico e l’attuale congiuntura economica, d’altra parte, offrono parecchi spunti ad una lettura critica dei nostri stili di vita, del nostro modello di produzione e consumo…

In fondo, non è stato detto nulla di nuovo. Le critiche alla finanza e ai suoi trucchi le avevamo sentite già molto tempo fa, da più parti (molte delle quali fonti dichiarate del caro BG), solo che probabilmente avevamo le orecchie sintonizzate su altre frequenze… Oggi forse è risultato più facile ascoltare concedendo quantomeno il beneficio del dubbio… Personalmente, poi, in quanto lettore di lungo corso della rivista Altreconomia (che suggerisco quale buona stampa) devo riconoscere che la voce che si leva da queste pagine non è certo mai somigliata al canto delle sirene: mi considero pertanto già ben sensibilizzato sugli argomenti…

Giova in ogni caso a tutti risentire certi ritornelli. E fa bene al cuore pensare che molti dei cinquemila presenti al palasport (considerando pure il basso livello del senso critico delle nostre masse) non avevano probabilmente mai sentito parlare di certi argomenti, dal momento che la nostra informazione è a dir poco imbavagliata.

La prima parte della serata è stata tutta dedicata a economia e finanza, nonchè a politica e malgoverno. Il male di cui soffre l’Italia, dice il comico, è principalmente (ma non solo) l’avidità dei suoi governanti i quali, spinti da sentimenti tutt’altro che nobili, e dimentichi della delega ricevuta, divorano insaziabili le risorse che dovrebbero alimentare la crescita e lo sviluppo del Paese. Per usicre dal tunnel abbiamo poco tempo, il collasso è vicino.

Il messaggio (molto riassunto) della serata è il seguente:

  • Nessuno governa più in nome nostro: dobbiamo riprenderci le deleghe
  • Nessuno ci informa di come stiano davvero le cose: dobbiamo informarci da soli
  • Nessuno fa più vera politica: la dobbiamo fare noi, dal basso

Gli strumenti a disposizione sono:

  • Far pressione sulle amministrazioni, facendo valere i nostri diritti
  • Utilizzare le nuove tecnologie, mettendo a frutto le potenzialità immense della Rete
  • Trovare il coraggio di scalzare il sistema, compiendo le piccole scelte quotidiane

Da questo ultimo punto si è dipanata la seconda parte dello spettacolo, incentrata maggiormente su temi di ecologia e sostenibilità, secondo la consolidata tradizione di Grillo. Ha affrontato argomenti vari, dall’acqua (basta alla minerale!) ai trasporti (molti ripetuti inviti all’uso della bicicletta), dall’edilizia (accenno alle case passive e alla disponibilità di nuovi materiali) all’energia (autoproduzione e scambio su piccola scala), non trascurando le dimostrazioni live, che questa volta hanno riguardato: il bucato, con una bio-palla che annienterebbe i detersivi (ammetto, sono curiosissimo, mi informerò…) e l’accesso alla cultura, con un momento pubblicitario sull’e-book di Amazon…

Ho invece percepito come nota stonata il momento di presentazione riservato al Meetup (il gruppo locale di sostenitori). Con un taglio evidentemente propagandistico per un possibile ruolo futuro nel tessuto politico-amministrativo della città, non mi ha convinto (nonostante le migliori intenzioni, sulle quali non ho dubbi) per la forma, un po’ sottotono e approssimativa (e qui concordo con Edoardo), decisamente non in fase con il livello del mattatore. Non sono sicuro abbia colpito e centrato l’obiettivo. Peccato.

In conclusione, sebbene non veda in Beppe Grillo un profeta (non dimentico mai che è un comico e ha come mandato primario il far ridere la gente), ammetto di ammirarne la capacità di stimolo critico che riesce a mettere in campo. Suscitando (speriamo) ripensamenti e qualche crisi di coscienza. E’ appassionato e, pure quando dice castronerie (sul lato tecnico mi capita, per formazione professionale, di riconoscerne alcune e immagino ce ne possano essere altre), ha la forza di convincere che, se non altro, abbiamo il dovere di ricercare un’alternativa più sostenibile. Di questo gli va reso merito e mi auguro che lo spettacolo costituisca un’occasione di revisione per molti.

Qualche segnale c’è: il simpatico guidatore dell’Hammer che all’uscita cercava di fendere la folla per farsi strada verso l’uscita, non sembrava arrogante come il mezzo avrebbe potuto suggerire alla fantasia di noi pedoni. Con gesti umili e pacati sembrava anzi volersi scusare con chi lo osservava silenzioso per il mezzo che tanto strideva con lo stile, appunto, appena ascoltato. :-)
Son semi di speranza…

Se lo dice lui…


Passi tratti dall’intervista al Valentino nazionale e pubblicati sul Venerdì di Repubblica n. 1069 del 12.09.2008.

“Girando per l’Europa, mi è sembrato che le condizioni di vita dei giovani siano migliori, ci siano più opportunità e garanzie…”
“Purtroppo sono convinto che altrove si viva meglio. E per esperienza personale. Vado in Spagna per lavoro da un sacco di tempo e ho visto quanti passi in avanti hanno fatto gli spagnoli in poco più di quindici anni. All’inizio degli anni Novanta sembravano i nostri fratelli poveri, adesso ci hanno superato di slancio e noi siamo rimasti molto indietro, rispetto a loro. Non credo sia l’unico caso e mi sembra che nell’immediato futuro cambierà ben poco, visto che qui quasi non esistono interventi a favore dei giovani…”
“Troppi vecchi al potere, è un dato oggettivo, basta guardarsi intorno. Quella dei vecchi, sia detto con tutto il rispetto, è una casta di intoccabili. Almeno per quanto riguarda i posti di responsabilità. Anche in questo caso si tratta di una malattia tipicamente italiana. Negli altri paesi uno a quarant’anni si candida alla guida dei governi, da noi il potere è in mano a chi è intorno ai settanta. Poi ci si stupisce dell’immobilismo. Ma è ovvio: un settantenne ha idee meno innovative di un quarantenne. Se l’Italia si è incartata su se stessa la colpa è di questa gerontocrazia che si rifiuta di andare in pensione…”

Immagine appropriata

Mi ero appuntato questi versi (Giovanni Marradi – 1868), non ricordo da dove, forse dalla prefazione di una biografia Verdiana letta qualche mese fa. Mi pare il momento adatto per tirarli fuori e condividerli sebbene, ad una rilettura attenta, mi appaiano ora sin troppo ottimistici (altro che vegetare nell’ignavia, qua si cavalca, tutt’altro che liberi, verso il baratro…).   

E vegetiam fra il tedio
Di giorni oscuri e ignavi
Fra mediocri despoti
Né liberi né schiavi
 

Io sono qui


A scrutini terminati, pubblico il mio posizionamento.

Già lo sapevo, almeno dimostro un po’ di coerenza, visto che il questionario da me completato in occasione delle precedenti politiche aveva emesso analogo verdetto. Anche se mi piace considerarmi moderato è evidente che il mio cuore batte più a sinistra di quanto io stesso non voglia ammettere… e comunque, secondo i risultati elettorali il mio io qua sopra nemmeno esisterebbe più…

Per approfondire la vostra posizione sui temi caldi dei vari programmi (e poi magari chiarirvi le idee, sebbene a posteriori) cliccate qua sotto.

Elezioni 2008. Io sono qui. E tu dove sei?

Son cose intime

Segnalo dal blog Sorelle d’Italia questo dialogo (http://www.sorelleditalia.net/2008/04/03/nel-mio-intimo-ce-qualcosaltro/) tra due copy, ossia pubblicitari(e)… discutendo del nuovo spot di Chilly.


Effettivamente a me, ogni volta che mi siedo sul bidè e leggo l’headline, viene da ridere (o da piangere, fate voi)… e penso: pollo chi ci casca… 😉 Infatti io non l’avrei comprato solo per questo (validissimo) motivo. E ho pensato pure di scriverglielo, da rompi quale sono, per farglielo sapere…

Visto che stasera zompettando in rete qua e là ho scoperto di non essere il solo a pensarla così, inoltro a voi pulzelle navigatrici l’invito a concedervi un minutino di sano svago letterario-internettiano, e magari a fare udire la vostra voce.

Un po’ di rispetto per le nostre (ma in questo caso, soprattutto vostre) intelligenze, prego!

P.S.
Se volete gustare ancora meglio il piatto… date un’occhiata sul blog di Valentina (sempre lei, la copy) al post originale (http://uomochemilava.blogspot.com/2008/03/bid-bid-ta-ta-taaarara-bid-bid.html): gustoso, salace, irriverente, frutto di una mente indipendente e creativa.
Non per nulla fa la pubblicitaria… grande!!