Son cose intime

Segnalo dal blog Sorelle d’Italia questo dialogo (http://www.sorelleditalia.net/2008/04/03/nel-mio-intimo-ce-qualcosaltro/) tra due copy, ossia pubblicitari(e)… discutendo del nuovo spot di Chilly.


Effettivamente a me, ogni volta che mi siedo sul bidè e leggo l’headline, viene da ridere (o da piangere, fate voi)… e penso: pollo chi ci casca… 😉 Infatti io non l’avrei comprato solo per questo (validissimo) motivo. E ho pensato pure di scriverglielo, da rompi quale sono, per farglielo sapere…

Visto che stasera zompettando in rete qua e là ho scoperto di non essere il solo a pensarla così, inoltro a voi pulzelle navigatrici l’invito a concedervi un minutino di sano svago letterario-internettiano, e magari a fare udire la vostra voce.

Un po’ di rispetto per le nostre (ma in questo caso, soprattutto vostre) intelligenze, prego!

P.S.
Se volete gustare ancora meglio il piatto… date un’occhiata sul blog di Valentina (sempre lei, la copy) al post originale (http://uomochemilava.blogspot.com/2008/03/bid-bid-ta-ta-taaarara-bid-bid.html): gustoso, salace, irriverente, frutto di una mente indipendente e creativa.
Non per nulla fa la pubblicitaria… grande!!

Demolalia

“… Come la Gabanelli ad esempio, la Milly. Si fa un mazzo così tutta la settimana, scopre le cose più incredibili… e poi al lunedì non se la caga nessuno! Ti sembra possibile? […] Milly, per essere considerata devi parlare della gnocca!”
[…] perché l’Italia è una demolalia, ovvero una democrazia della chiacchiera, si può discutere di tutto dopo che le decisioni sono state già prese.

Troppa TV per i piccoli USA