Archivi tag: Letteratura

«Le operazioni di taglio avverranno a partire dalle piante più giovani e meno frondose». Così fu detto e così riportarono i giornali, come se avesse senso stilare una classifica di merito dei condannati a morte per stabilire chi mandare per primo al patibolo. Vorremmo evitare di cadere in questo tranello, ribadendo la nostra convinzione che ogni pianta, grande o piccola che sia, ha un suo fondamentale ruolo nel già precario ecosistema urbano. Il ricatto “natura…

Leggi tutto

«Un altro libro sulle biciclette?!…», ho esclamato quando Roberta, la mia libraia di fiducia, mi ha messo in mano “Compratevi una bicicletta!”, il nuovo titolo di Ediciclo frutto della penna di Federico Del Prete. Perché, dopo qualche anno di ciclofrequentazioni e letture connesse, è normale pensare che tutto sia già stato scritto e che nulla più ci potrebbe stupire. Ugualmente, forse per un gesto di fiducia verso la mia consigliera, apro il libro e ne…

Leggi tutto

Recensione di Luciano LORINI da Ruotalibera (Anno XXV Num. 5 – 113 – Settembre/Ottobre 2009) Nel romanzo di Michele Marziani “Umberto Dei – Biografia non autorizzata di una bicicletta” la premiata fabbrica di biciclette del titolo, già simbolo di un’epoca e pezzo importante della storia industriale di un’Italia produttiva che forse non è più, assurge a pretesto per raccontare, al di là del marchio e del nome, l’origine di un mito e il concetto stesso…

Leggi tutto

“… Come la Gabanelli ad esempio, la Milly. Si fa un mazzo così tutta la settimana, scopre le cose più incredibili… e poi al lunedì non se la caga nessuno! Ti sembra possibile? […] Milly, per essere considerata devi parlare della gnocca!” [Report – Luciana Littizzetto] […] perché l’Italia è una demolalia, ovvero una democrazia della chiacchiera, si può discutere di tutto dopo che le decisioni sono state già prese. [Demolalia – da “Dottor Niù”…

Leggi tutto

Teodoro Zweifel era uscito il giorno prima dal carcere, assolto per insufficienza di prove. Godeva di una salute eccellente e possedeva un po’ di denaro. Nel 1920 aveva preso l’abitudine di masticare il chewing-gum abbandonato sui mercati europei dai soldati di ritorno in America: in pochi mesi gli stocks si erano esauriti, la moda era passata, ma l’abitudine gli era rimasta. Nel 1930 aveva contratto quella delle parole incrociate. Le parole incrociate sono il chewing-gum…

Leggi tutto

5/5